Le Isole Tremiti

L’arcipelago riserva marina protetta, incluso nell’Ente Parco Nazionale del Gargano, è situato a 21 km. a nord del promontorio del Gargano, ed è caratterizzato da uno straordinario scenario di coste rocciose calcaree, insenature, cale, falesie, faraglioni e grotte marine.

Le isole di San Nicola, San Domino, Capraia e la più distante e isolata Pianosa compongono l’arcipelago, oltre ad alcuni scogli di cui il principale è il Cretaccio. I fondali hanno un importantissimo valore naturalistico e la particolare limpidezza delle acque consente di osservare già a pochi metri di profondità spugne colorate, anellidi con variopinti ventagli, ricci e stelle marine.

Più in profondità ci si imbatte in rigogliose e variopinte gorgonie, nei pressi delle quali è possibile vedere castagnole, cernie, murene, gronghi, aragoste: infatti i fondali delle Tremiti riservano alcune tra le più belle immersioni dell’intero Mediterraneo.

Dell’intero arcipelago solo le isole di San Domino e San Nicola sono abitate; in particolare sull’isola di San Nicola, centro storico, amministrativo e religioso delle Tremiti, nel 1045 venne fondata dai monaci benedettini di Montecassino l’Abbazia di Santa Maria a Mare. Seppur fortificata da Carlo d’Angiò, non uscì indenne dall’assalto dei pirati, che nel 1300 distrussero la fortezza e trucidarono i monaci. L’Abbazia di Santa Maria è un mirabile esempio di fusione di arte bizantina e romanica, con caratteristiche stilistiche dei canoni benedettini e cistercensi.