Massafra

Massafra è un comune della provincia di Taranto in Puglia.
Il territorio massafrese ha conservato tracce di frequentazione a partire dal Neolitico, attestate dalle selci lavorate rinvenute nella gravina della Madonna della Scala.

I Monumenti di massafra sono molto interessanti sia per via della loro architettura che per le metodiche utilizzate per preservarli dalle intemperie. L’abitato di Massafra costituisce di fatto un museo a cielo aperto.

Tra i monumenti di interesse storico e culturale ricordiamo la chiesa Madre, il santuario della Madonna della Scala, la chiesa dei Santi Medici, il castello, all’interno del quale troviamo il “Civico museo storico-archeologico della civiltà dell’olio e del vino” è stato inaugurato nel giugno 2003.
Il territorio è solcato da una serie di gravine e di lame (naturale continuazione delle gravine con pareti più dolci) di origine carsica. Di queste quelle antropizzate, cioè collegate direttamente all’abitato, sono la gravina della Madonna della Scala, la gravina di San Marco e la gravina di Santa Caterina.
La “Riserva naturale del Monte Sant’Elia” è un’ “oasi” del WWF, al quale la “Comunità dell’Arca” ha donato circa cento ettari di bosco e seminativi. La riserva è costituita dall’omonima masseria con un nucleo di trulli databili al XVIII secolo, circondata dalla macchia mediterranea e da boschi di leccio e fragno. L’Oasi è aperta al pubblico ed attrezzata per visite.

Tra gli eventi da non perdere ricordiamo la festa patronale. In onore della Madonna della Scala, patrona di Massafra dal 1776, si organizza ogni anno la prima domenica di maggio la festa della “Consegna delle chiavi”. Dopo una messa solenne, celebrata nel santuario, la statua viene portata a spalla in città, mentre dal municipio parte il corteo civico con il sindaco e le autorità civili, a cui si unisce il vescovo dalla chiesa di San Lorenzo. Quando le processioni si incontrano vengono offerte alla statua della patrona le chiavi della città. Infine la processione si conclude portando la statua nella collegiata. La festa si conclude la sera con luminarie, musica e fuochi d’artificio.
Altro evento importante la festa dei Santi Medici (27-29 settembre) la cui processione parte dall’omonima chiesa qui con le statue portate dai “muschier”, che percorre l’abitato fino all’ospedale “Matteo Pagliari.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>