Modugno

Modugno è un comune della provincia di Bari, in Puglia.

Le origini dell’abitato risalgno alla preistoria, probabilmente la città fu fondata nell’alto medioevo e passò dalla dominazione bizantina a quella normanna. Distrutta durante il dominio angioino, venne ricostruita sotto gli aragonesi.

Tra i monumenti di interesse storico e culturale ricordiamo il santuario di Santa Maria della Grotta, la chiesa di Maria Santissima Annunziata, la chiesa di Sant’Agostino, la cappella di Sant’Anna, la chiesa della Vergine Maria del Carmine.
Numero sono anche i palazzi storico, ricordiamo il palazzo Angarano-Maranta e il palazzo Maffei.
La pricipale piazza della città è Piazza Sedile, situata ad est del centro storico. In piazza Garibaldi troviamo la villa comunale, costruita nel 1910. L’area, in origine acquitrinosa, era stata bonificata nel 1855 dal possidente Vito Michele Loiacono, che vi aveva costruito una cisterna, dalla quale era possibile emungere l’acqua piovana che vi si riversava. Oltre alla pizzacara, nella villa è presente il monumento ai Caduti, costituito da un alto piedistallo in pietra, sormontato da una statua bronzea del 1960, opera di Vitantonio De Bellis, che raffigura una donna che ha sacrificato alla patria le persone a lei più care: il soldato colpito a morte e il reduce.

In zona troviamo un menhir, chiamato il Monaco, alto 370 cm, oltre ad un boschetto sito in una vallata creata da una ramificazione della Lama Lamasinata, un’oasi di salvaguardia floro-faunistica dove è possibile ammirare esemplari imponenti di quercia e pino, begli arbusti di biancospino e lentisco, e fiori di croco e iris. Si possono anche scorgere merli, fagiani, capinere, passeri e diverse varietà di insetti. Il luogo è precluso alla caccia.

Tra gli eventi da non perdere ricoridamo la festa patronale di San Rocco e San Nicola da Tolentino,la festa di San Giuseppe e sagra del Calzone e durante il periodo natalizio non bisogna perdere il presepe vivente.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>