San Severo

San Severo è un comune della provincia di Foggia, in Puglia. La città sorge in territorio pianeggiante, al centro dell’Alto Tavoliere.

Secondo la leggenda rinascimentale, la città fu fondata dall’eroe greco Diomede col nome di Castrum Drionis (Casteldrione), e sarebbe rimasta pagana fino al 536, quando san Lorenzo Maiorano, vescovo di Siponto, avrebbe imposto all’abitato il nome di un fantomatico governatore Severo, da lui convertito al Cristianesimo.
San Severo sorge nell’antica Daunia e nel suo agro sono state rinvenute tracce di vari insediamenti neolitici.

San Severo conserva un notevole centro storico, costellato di significativi monumenti, per i quali il 2 febbraio 2006 ha ottenuto il riconoscimento di città d’arte. Pur conservando il labirintico sistema stradale medievale, il grande borgo antico, su cui si ergono imponenti alcuni caratteristici campanili, è ricco di monumenti prevalentemente barocchi, come i tanti palazzi signorili. Cuore del centro è la severa chiesa Matrice di San Severino, anch’essa monumento nazionale, dedicata al primo e principale patrono della città e diocesi, che conserva i prospetti esterni romanici, con rosone e raffinato archivolto in pietra d’età federiciana. La vasta Cattedrale, dedicata a Santa Maria assunta, è frutto di numerose modifiche. Interessanti sono anche il severo Palazzo Vescovile, più volte rimaneggiato, e il secentesco Palazzo del Seminario, sensibilmente ampliato nell’Ottocento. Altro vanto della città è l’imponente Teatro Comunale, il massimo edificio teatrale della Capitanata e tra i maggiori di Puglia, inaugurato nel 1937 e oggi dedicato a Giuseppe Verdi. La lussureggiante Villa Comunale, vasto giardino pubblico ottocentesco con lunghi viali che convergono verso una collinetta artificiale detta Montagnella, ha elegante prospetto con statue di ghisa e un grande palco circolare per i concerti bandistici. Sul territorio troviamo anche numerose masserie che lo caratterizzano.

Tra gli eventi da non perdere ricordiamo la  festa patronale, popolarmente nota come Festa del Soccorso, si celebra la terza domenica di maggio e il lunedì successivo in onore della Madonna del Soccorso, patrona della città e della diocesi, e dei santi compatroni principali, San Severino abate e San Severo vescovo. Straordinario evento barocco che ogni anno attira diverse migliaia di visitatori, la festa è caratterizzata da due sontuose processioni, in cui si portano a spalla numerosi simulacri di santi.
Nel periodo di carnevale è usanza preparare dei goffi pupazzi che sono appesi, comicamente seduti su sedioline, all’uscio delle case. Il martedì grasso, all’imbrunire, si celebra il loro pittoresco funerale, che si conclude coll’apotropaico incendio degli stessi pupazzi, talvolta imbottiti di petardi.
Negli ultimi anni all’antica Sagra dell’uva, festosa celebrazione settembrina di uno dei principali prodotti della terra sanseverese, è subentrata la Festa di san Martino, sagra del vino novello, che si tiene nel centro storico della città per diversi giorni intorno all’11 novembre, con esposizione di prodotti tipici, degustazione di vini e gastronomia locale e spettacoli di varia cultura (concerti, mostre, sfilate folcloristiche etc.).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>