Castello svevo-angioino-aragonese, Manfredionia

Il castello è frutto di diverse trasformazioni, ampliamenti e rifacimenti durante le diverse epoche. All’origine la struttura era un quadrilatero con una cinta muraria dotata di cinque torrioni a pianta quadrata, attualmente esistono di quelle torri solo quattro di cui solo quella a sud-est ha mantenuto l’originaria forma quadrangolare, mentre le altre tre sono state inglobate in strutture cilindriche. Di chiara marca sveva, il primo castello fu concluso da Carlo I d’Angiò.

In epoca aragonese si assisté a un processo di radicale trasformazione del complesso, nell’ambito di un complessivo progetto di fortificazione delle strutture difensive delle più importanti città costiere. Fu infatti disposta la costruzione di una nuova cortina muraria inglobante la struttura primitiva e dotata di una leggera inclinazione a scarpata tale da renderle più rispondenti alle esigenze dell’arte difensiva conseguenti all’uso dell’artiglieria militare. Agli angoli vengono costruiti quattro torrioni cilindrici più bassi di quelli interni. Dopo l’attacco nel 1528 del maresciallo francese Lautrec il torrione di nord-ovest venne modificato a bastione inglobando la precedente struttura a forma cilindrica. Anche le altre tre torri erano interessate al progetto di fortificazione ma questo non fu mai portato a termine. Nel 1620 il castello dovette capitolare all’attacco dei turchi a causa della esiguità dei pezzi di artiglieria e perché privo di parapetti protettivi sufficientemente alti a garantire l’incolumità dei difensori.

Nel corso del XVIII secolo la struttura venne usata come caserma ed il grande bastione a prigione. Durante il regno dei Borboni e in epoca successiva fino al 1884 il Castello viene tenuto in efficienza in quanto Manfredonia viene qualificata come piazza forte. Dal 1888 fino al 1901, anno in cui l’edificio fu acquistato dal Comune di Manfredonia, appartenne all’orfanotrofio militare di Napoli.

Il Castello viene poi donato dal Comune allo Stato con l’impegno, da parte di quest’ultimo, di istituire al suo interno un museo per conservare i reperti provenienti dal territorio circostante. L’attuale museo archeologico che custodisce stele daunie databili all’VIII-VI secolo a.C.).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>