Chiesa Madre, Giurdignano

La chiesa madre fu costruita fra il 1756 e il 1763 e fu intitolata inizialmente a San Rocco il quale, secondo i racconti popolari, salvò Giurdignano dalla peste del ’600.

Presenta una sobria facciata, divisa in due ordini: il primo ordine, spartito in tre zone da lesene, è caratterizzato da un portale d’ingresso, sormontato da tre statue, e da due nicchie laterali contenenti le statue di Sant’Ambrogio e di Sant’Agostino. Il secondo ordine presenta una finestra centrale e termina con un frontone curvilineo.

L’interno, a croce latina con una sola navata, si distingue per l’esuberanza barocca degli stucchi e degli arredi. Nelle brevi cappelle della navata e nel transetto sono custoditi pregevoli altari e statue in cartapesta e in legno. Nell’area absidale troviamo l’altare maggiore in pietra leccese finemente scolpito. Le tele più importanti sono quelle raffiguranti la Madonna del Rosario attribuita a Giandomenico Catalano, l’Immacolata Concezione di Oronzo Tiso e il Sant’Antonio da Padova del pittore ruffanese Saverio Lillo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>