Palazzo Capece, Maglie

È probabile che il palazzo sia nato in età angioina come modesto organismo difensivo e sia stato poi, verso la metà del XV secolo, rimaneggiato e rinforzato dai Lubello. Il castello era circondato da un fossato. Certamente subì seri danni nei primi tempi dell’assedio di Otranto, quando squadre di cavalieri turchi correvano selvaggiamente verso i paesi costieri e dell’interno causando ogni sorta di razzia.
Del vecchio castello non restarono che le fondamenta, le scuderie, i magazzini di deposito, la casamatta (adibita, probabilmente, a deposito di munizioni) e il tardo-cinquecentesco portale interno dell’atrio a grosse bugne sfaccettate.

Il portale, sormontato da araldico scudo (il leone rampante dei Capece, che volge il dorso all’incoronata bicipite aquila dei Castriota-Scandeberg), da due maestose colonne e da un’elegante balaustra, fu voluto da don Giuseppe Pasquale Capece Castriota, signore di Maglie nel 1749.

Recenti lavori di ristrutturazione hanno portato alla luce i graffiti seicenteschi dell’ambiente destinato a carcere criminale. Su tre pareti sono incisi nomi e cognomi dei reclusi magliesi e dei casali vicini del periodo compreso dal 1601 al 1669. Del 21 luglio 1629 è l’iscrizione che ricorda due scomunicati che invano si erano rifugiati nel convento dei Francescani.

La struttura ospita attualmente il Liceo Classico, intitolato a Francesca Capece, che donò l’edificio al Comune nei primi anni del XIX secolo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>