INNOguide – La Sostenibilità

Serena Accogli
Serena Accogli

Quando si pensa alla sostenibilità la si associa sempre alIo sviluppo sostenibile, ma avevate mai collegato questo concetto al mondo del turismo? Sicuramente si, ma qui non si parla solo di turismo attento all’ambiente, ma di “uno sviluppo in grado di soddisfare le esigenze attuali dei turisti e delle regioni ospitanti, proteggendo e migliorando le prospettive per il futuro”.

Il modulo SUSTAINABLE TOURIST GUIDING, presente nella piattaforma e-learning INNOGUIDE, chiarisce in maniera approfondita questo concetto mettendo a disposizione materiale didattico in lingua inglese fornito da enti internazioni (come ICOMOS, UNESCO, NTA).

Il tema della Sostenibilità viene affrontato in 4 unità didattiche (Pleople, Planet, Profit e Nature) nelle quali sono delineati obiettivi formativi specificando per ognuno conoscenze, abilità, attitudini ed etica conseguite mediante il completamento di singoli compiti (Assignment) e l’impiego di materiale didattico (Literature) disponibile online.

L’unità PEOPLE presenta degli obiettivi INNOVATIVI perchè incentrati principalmente sul comportamento dell’individuo nella realtà locale e sul miglioramento del rapporto ospite-ospitante, come lo sviluppo di un comportamento turistico responsabile a lungo termine verso la cultura locale.

Qualsiasi esperto, analizzando questa unità, ha la possibilità di:
-approfondire lo studio della legislazione europea in materia di cultura;
-imparare a conoscere gli organismi impegnati a preservare il patrimonio dell’UE;
-discutere in gruppo sull’impatto del turismo;
-valutare eventuali codici di comportamento turistico validi a livello regionale o nazionale.

Perchè non immergersi allora in una lettura attenta del materiale reso disponibile online sulla piattaforma INNOGUIDE? Si possono apprendere anche gli effetti positivi e negativi della mercificazione dei prodotti culturali nell’industria turistica e comprendere il modo in cui i diversi membri della comunità locale desiderano essere rappresentati (in altre parole, il modo in cui i membri delle comunità locali vedono se stessi).

Infine, si avrebbe anche la possibilità di imparare a riconoscere gli incontri positivi tra ospite e ospitante, valutare la necessità di uno scambio interculturale tra le due parti e capire l’importanza di questa relazione per la sostenibilità dello sviluppo turistico.

Social Share Counters

Post pubblicato in Formazione and tagged , , , . Se lo ritieni interessante aggiungi ai preferiti. Segui i commenti di questo post con RSS feed o lascia un trackback: Trackback URL.

Lascia un Commento